THE VILLAGE

Turku, Finland

Europan 11. Competition

2011

Team Alessandro Liberati, Roberto Straccali, Arianna Piermartiri, Martina Tassotti


0 TURKU



1 TURKU

 

 

City planning

The new part of the Puistotie Haritum Street unites with the Uudenmaantie Road and the Kairiskulmantie Street to create a loop where low haul and slow speed road join together. Within this new loop, in which there is the area under investigation, the Hiekkakatu links the new part of the Puistotie Haritum with the Kairiskulmantie. The streets for the access to the various houses ramify from the latter one. Within it, the city planning pays high attention to the notion of “people friendly”. The city planning is formed by small buildings which are integrated with natural ambient conditions made of green and wooded areas, with small and low haul streets in which there are independent cycle-pedestrian trails. Thus, the objective for the area under investigation, was to realize a seam with the context, trying to maintain the same city planning but with an higher density. The main criticality of this area is represented by the Uudenmaantie Road. It generates noise and does not permit a direct access to the area, creating a breaking of the city and environmental balance which characterized the surrounding area.

 

 

2 TURKU


3 TURKU



4 TURKU


5 TURKU


6 TURKU

 

The protection of the castle and the medieval village

In the first phase of planning, the main objective was to reduce the noise pollution due to the Uudenmaantie and to the streets linked to it as much as possible.

So, how to protect the build-up area?

The original idea was to create a sort of “enceinte for the protection of the castle”. The enceinte, which was very common in Europe and in Northern Italy until the XIV century, was extended around an inhabited area and represents the urban fortification par excellence. From the urban point of view, the walls clearly delineate the passage from the village to the countryside, guiding the traffic towards the points marked by the urban doors.

Within the doors, the life of the village was developed thanks to the intersection of carriage able road and pedestrian trail, squares and small courtyards, where groups of houses and public institutions joined around together.

There was the smith beating the anvil to forge the iron, the carpenter, the tanner working the leathers, the shepherd coming back from grazing, the miller that worked the mill to produce flour for everybody, the farmer, the barber, the chemist, the tailor, the builder, the butcher, the apiarist, the priest and the village idiot.

All of this was gathered in a compact, dense but liveable dimension, with a social interaction that cannot be compared with modern times.  

 

 

7 TURKU


8 TURKU


9 TURKU


10 TURKU

 

The functional system

From the impossibility to enter the area through the Uudenmaantie Street/Road, the metaphor of the enceinte shapes, thanks to the introduction of a functional loop that circumscribes the area of the project and acts as acoustic and visual buffer between the residential area and the surroundings.

The loop is linked together with the Karkikatu Street/Road extension on the southern side and with the Hiekkakatu Street/Road. Upon them, real doors of the new residential area are created.

The loop is characterized by a set of functions. Respectively, from the outside to the inside, it was chose to place some tree agglomerates that guarantee a continuum with the other existing ones and assure a visual shielding. Then, it was introduced a functional band formed by parking areas (both public and private), points for the recharge of electric mini-cars, areas addressed to the cars heating in the cold season and ecological points for the rubbish collection. Next to the band there is the loop, flanked by a cycle-pedestrian trial. A green zone made of private gardens acts as filter between streets and houses which represent the main instruments for guarantying acoustic protection. They are of different heights, from two to three levels, and they complete the “protection enceinte” to the whole system.

Within this organization, construction results lower, from one to two levels, with a living dimension made of single but dense houses, equipped with garages and small laboratories. They are built up near carriage able roads of penetration and they interrupt before the central public zone in which there is the square. The access to it will be guaranteed only with independent cycle-pedestrian trails which ramify from the loop to the core of the area, meeting courts and common gardens.

The fragmentation of the housing development produces a collective, permanent and not arranged in a hierarchy space. The nature comes close to the internal spaces through common and private gardens, while open squares assume a more familiar dimension. Domestic and public spaces together with nature coexist for the entire project. The constantly change of life conditions and the growing of the idea of individuality need more versatility and flexibility. To make the urban structure eco-efficient it is necessary to satisfy the needs and the preferences of the future citizens with a project of compact and flexible houses. The proposal tends to meet a comfort level typical to one of a traditional house for families, with a new structure characterized by a living density. One of the main objects was to develop both common and private spaces, all at the same time, in order to satisfy privacy and create a real social community. The road traffic converges near the loop towards the internal zone but it stops before reaching the central space of the square which is only for cycle-pedestrian traffic. A great variety of intimate spaces, both internal and external, like private gardens, garages and workshops offers the possibility of expand the private sphere. Flats are compact but spacious and they offer an important natural illumination.

 

 

28 -TURKU


12 TURKU

Masterplan  1:2000


13 TURKU


14 TURKU


15 TURKU


16 TURKU


17 TURKU


18 TURKU

 

The social system

The system aim at intensify the social relations yielding the common zone of an higher community level.

The social welfare of the new residential area will be guaranteed by the agreeableness of the ambient, by the introduction of common opened spaces at the disposal of citizens of various ages, by small public functions that encourage the community spirit, by the breaking down of the noise pollution through the creation of shielding from the surrounding streets, by people-friendly buildings and by a sustainable system which interests the various levels of planning.

The square is seen as the central point of the high society. It represents a meeting place, a departure and reference point for every citizen in every village. The square become a place in which children run after one another, boys joke and adults meet for chat. A place of interchange where people can find advice and where a little community can strengthen the sense of belonging.

The share of some services of the village like laundries, shops, artisan workshops, greenhouses, thermal baths, centre for seniors and so on, completes the social system and thus becomes opportunity for new relations.

The whole system seems to form a real village where private houses, common courts with small gardens, green zones, services and a public square alternate. Private spaces and neighbourhood follow each other and offer a diversity within the village.

It represents an authentic plunge into the past, an opened window on a creative and genuine world with typical rhythms, noises, tastes and smells…

 

 


19 TURKU



20 TURKU



21 TURKU

Ground floor plans 1:400

 

Flexibility. Diversity. Customization

The dwelling house planning starts from the house average dimension per person: at every citizen corresponds an average of 37.90 square metres. Then the idea of working with a square form module of 6.50 meters x 6.50 meters. These measures guarantee a dimension of 42.25 square meters which, without considering the external side wall, assure the square meters area that every single inhabitant needs. Thus, each compositional module is a differential instrument able to differentiate the dwelling module according to the most variegated requirements: where there is the need of widen or reduce the spaces, we will work on one of these functional elements. The aspect is multi forms, avoiding anonymous and sterile environment. Starting from this module, it is possible to create a variety of aggregative solutions consisting of houses with a square meters area that goes from 65 to 135 square meters. These dimensions can be adapted very well to the needs of the new categories of inhabitants that can live in the neighbourhood: from the single to the young couple, the family, the senior citizens and all the new reality which characterized the actual society. The differentiation of the many housing requirements obligates us to re-examine the domestic environment and to think at it like a space with a variable occupation that guarantees the most possible number of configurations in order to obtain a high personalisation. The structural module permits a total flexibility which ensures the differentiations of the flats dimensions(sizes).

In addition, the accommodations diversity and thus the whole neighbourhood diversity, will be due to the differentiation of the various houses cladding materials, garages, workshops and module for public functions. A further diversification is produced thanks to the irregular form of the roofs. It is created for the increase of natural lighting in the internal apartments ambient, of the visual penetration and, at the same time, of the snow run-off.

22 TURKU


23 TURKU

 

 

 

24 TURKU


25 TURKU


26 TURKU


 

Sustainability

The sustainable system is related to the various planning levels.

The purpose is to reduce as much as possible the carbon dioxide emissions.

With regard to the entire neighbourhood, the sustainability is assured by various skills. First of all, a compact planning needs less energy to work and less ground consumption which can serve as green areas or ground for farming. The entire neighbourhood has a wide surface destined to wooded areas, private and public green zones and common gardens. The addition of small gardens for the local food production reduces the carbon dioxide emissions due to the transports and creates local tie.

In addition, the buildings planning is based on bio-climatic principles. In the case of more opposite buildings (as well in the case in which they are not parallel) it was necessary to verify not only the shade distributions to the ground also the eventual shade projection on the southern front, guaranteeing a good arrangement. Furthermore, the enceinte developed along the loop and circumscribing the project area, assures the protection from the cold wind coming from north-east and offers more comfort to central spaces and single homes.

Some ecological points for the household waste are introduced along the loop artery. In this way, they are external to the houses core but within everybody’s reach at the same time. Points for the recharge of electric mini-cars and areas for to the cars heating through appropriate system in the cold season are adjacent to the areas for the rubbish collection.

The idea of the entire transport system should not be underestimated. Cars can enter in the residential area only for a short distance, thus decreasing noise pollution and carbon dioxide emissions. The cycle-pedestrian trails and the use of mini-cars increase the general comfort of the entire area.

The sharing of some public functions like, for example, laundries and thermal baths reduces the needs for electric systems within the houses and consequently, decreases the consumption of energy.

Then, we take care of the collection of meteoric water in the streets and in the parking spaces, which will be depurate with the purpose of avoiding the water-bearing layer pollution and storaging it. In this way, water can be utilized for toilette drain and for gardens and greenhouses.

The thermo solar is inadequate for the Turku latitude. Thus, we choose for heating system, necessary for houses and public functions, the use of the biomass deriving from the reject item of the maintenance of contiguous important wooded area which are integrated with the project. The vegetal biomass is the material that forms plants and its energy constitutes solar power stored during the growing within the photosynthesis. For this reason, if the biomass is used within a production-utilization continuing cycle, it represents a nature friendly source of renewable energy.

The building levels of sustainability are guaranteed by a project which take into account both the technological-structural and the energetic-environmental aspects too through the use of natural materials.

The dwelling system is built with wood prefabrication techniques like the X-LAM type. First, this system is characterized by the possibility of moving the wood houses near the traditional ones, improving the walls thermo inertia thanks to more mass and permitting the construction of stable, safe and heat-resistant buildings according to the height. All the advantages of prefabricated houses remain, like, for example, the ecological propriety, the rapid construction time and the thermo and sound insulation.  

The architectonics image of the building derives from wide glass windows facing south which guarantee a direct solar return while there are small hatches facing north. The roofs have high inclinations to favour the outflow of the snow, avoiding that cold mass can be in contact with the formers.

With regards to the aeration, the project includes a mechanic system of ventilation with a regenerator.

The heating has a radiant system on the floor or on the wall, powered by the biomass boiler.

The use of natural and sustainable materials will avoid the exposition of the citizens to damaging agents contained in traditional building.

The entire housing systems guarantees a low energetic consumption and offers a ideal thermos-hygrometric comfort.

 

 

 

 

27 TURKU

 

 

ITALIAN TEXT

 

Pianificazione urbanistica

La nuova sezione della strada Puistotie Haritum si unisce alla strada Uudenmaantie ed alla Kairiskulmantie creando un anello stradale da cui penetrano le strade a bassa percorrenza e velocità. All’interno di questo nuovo anello stradale, nel quale si trova l’area di concorso, la strada Hiekkakatu collega il nuovo tratto della Puistotie Haritum con la strada Kairiskulmantie. Da essa si diramano poi le strade di accesso alle varie abitazioni. All’interno la pianificazione è orientata verso una particolare attenzione alla misura d’uomo. L’urbanistica è formata da piccoli edifici che si integrano in un contesto naturalistico fatto di spazi verdi e zone alberate, con strade di piccole dimensioni e basse velocità di percorrenza nelle quali si snodano percorsi ciclopedonali indipendenti.

L’obiettivo per l’area di progetto quindi, è stato quello di effettuare una ri-cucitura con il contesto cercando di mantenere la stessa urbanistica ma con densità superiore.        La criticità principale dell’area di concorso risulta essere la strada Uudenmaantie. Essa genera rumore e non permette l’accesso diretto all’area creando così una rottura dell’equilibrio urbanistico e ambientale che caratterizza la zona circostante.

      

La difesa del castello e il borgo medievale

L’obiettivo principale, nella prima fase di pianificazione, è stato quello di diminuire al massimo l’inquinamento acustico dovuto alla Uudenmaantie ed alle strade collegate ad essa.

Come difendere quindi il centro abitato?

L’idea generatrice è stata quella di creare una sorta di “cinta muraria a difesa del Castello”. Frequente nell’Europa e nell’Italia settentrionale fino al XIV sec., la cinta muraria è estesa intorno ad un centro abitato e risulta essere la fortificazione urbana per eccellenza. Dal punto di vista urbanistico, le mura segnano in modo netto il passaggio tra villaggio e campagna, indirizzando il traffico in punti segnati dalle Porte urbane.

All’interno di esse la vita del villaggio si sviluppava tra l’intersezione di strade carrabili e pedonali, piazze e piccole corti, in cui si aggregavano intorno ad essi gruppi di case e funzioni pubbliche.

C’era il fabbro che batteva sull’incudine per forgiare i ferri, il falegname, il conciatore che lavorava le pelli, il pastore che tornava dal pascolo, il mugnaio che faceva funzionare il mulino per fare la farina per tutti, il contadino, il barbiere, il chimico farmacista, il sarto, il muratore, il macellaio, l’apicultore, il prete e lo scemo del villaggio.

Tutto questo era raccolto in una dimensione compatta e densa ma vivibile e con una socialità tra cittadini che non è più paragonabile ai nostri tempi.

 

Il sistema funzionale

Dall’impossibilità di accedere all’area attraverso la strada Uudenmaantie, la metafora della cinta muraria prende forma attraverso l’introduzione di un anello stradale-funzionale che circoscrive l’area di progetto e funge da cuscinetto acustico e visivo tra il centro residenziale e la zona circostante.

L’anello è collegato con il prolungamento della strada Karkikatu verso il lato sud dell’area e la strada Hiekkakatu. Su di esse si creano delle vere e proprie porte del nuovo centro residenziale.

Un insieme di funzioni caratterizza l’anello. Rispettivamente, dall’esterno verso l’interno, si è scelto di collocare delle masse arboree che garantiscono un continuum con quelle esistenti ed assicurano una schermatura visiva. Dopodiché è stata inserita una fascia funzionale formata da zone destinate a parcheggio (pubblico e privato), punti per ricaricare mini-car elettriche, spazi per riscaldare le autovetture nei periodi invernali ed isole ecologiche per la raccolta di rifiuti. Successivamente si trova l’anello stradale affiancato da un percorso ciclopedonale. Una fascia verde fatta da giardini privati, funge da filtro tra la strada e le residenze che rivestono il ruolo di maggiore importanza al fine di garantire la difesa acustica. Esse hanno altezze leggermente più alte ,da due a tre piani, e completano la “cinta muraria di difesa” a tutto il sistema.

All’interno di tale organizzazione, l’edificazione risulta più bassa, da uno a due piani, e con una dimensione abitativa formata da case singole ma dense, fornite di garage e piccoli laboratori. Esse si sviluppano in adiacenza alle strade carrabili di penetrazione che si interrompono prima di raggiungere la zona pubblica centrale in cui si trova la piazza. L’accesso ad essa sarà garantito solamente da percorsi ciclopedonali indipendenti che si diramano dall’anello verso il nucleo dell’area, incontrando corti ed orti comuni.

La frammentazione del complesso da luogo ad uno spazio collettivo continuo e non gerarchizzato. La natura si infiltra negli spazi interni attraverso i giardini comuni e privati, mentre le piazze all’aperto assumono una dimensione famigliare. Spazi domestici, spazi pubblici e natura interferiscono con l’intero progetto. Le condizioni di vita in continuo cambiamento e l’idealizzazione crescente di individualità necessita di una maggiore versatilità e flessibilità. La sfida principale per rendere la struttura urbana eco-efficiente è quello di rispondere alle esigenze e alle preferenze dei futuri residenti con un disegno degli alloggi che sia compatto e flessibile. La proposta tende a raggiungere il livello di comfort di una casa tradizionale per famiglie con un nuovo tipo di struttura caratterizzata da una densità vivibile. Uno degli obiettivi principali è stato quello di sviluppare contemporaneamente spazi esterni privati e comuni, al fine di soddisfare la privacy della sfera privata e di creare una vera e propria comunità sociale. Il traffico automobilistico penetra dall’anello verso l’interno interrompendosi prima di raggiungere lo spazio centrale della piazza, la quale sarà praticata solamente dal traffico ciclopedonale. Una varietà di spazi intimi esterni ed interni come giardini privati, garage e laboratori per piccole botteghe artigianali offrono la possibilità di ampliare la sfera privata. Gli appartamenti sono compatti ma spaziosi ed offrono un importante illuminazione naturale.

 

Il sistema sociale

Il sistema sociale mira ad intensificare i rapporti sociali rendendo le zone comuni di alto livello comunitario.

Il benessere sociale della nuova area residenziale sarà garantito dalla gradevolezza degli ambienti, dall’introduzione di spazi aperti comuni fruibili da residenti di diverse età, da piccole funzioni pubbliche che favoriscono lo spirito comunitario tra i residenti, dall’abbattimento dell’inquinamento acustico attraverso la creazione di una schermatura dalle strade adiacenti, da edifici a misura d’uomo e da un sistema ecosostenibile che interessa le varie scale di pianificazione.

La piazza viene vista come punto centrale di alta socialità. Punto di ritrovo, punto di partenza e punto di riferimento per ogni cittadino in ogni villaggio, la piazza diventa il luogo in cui i bambini si rincorrono, i ragazzi scherzano e gli adulti si ritrovano a chiacchierare. Un luogo di scambio in cui le persone possono trovare consiglio, una piccola comunità che rafforza il senso di appartenenza di ciascuno.

A completare il sistema sociale è la condivisione di alcune funzioni di servizio sparse nel villaggio, come lavanderie, piccole botteghe, laboratori artigianali, serre, terme, centro anziani,etc, che diventano così, occasioni di relazioni sociali.

Il sistema nel suo insieme sembra formare un vero e proprio villaggio nel quale si alternano case private, corti comuni con piccoli orti, zone verdi, funzioni di servizio ed una piazza pubblica. Spazi privati, spazi di vicinato e spazi di quartiere si susseguono e si alternano ed offrono una diversità all’intero villaggio.

Esso rappresenta un autentico tuffo nel passato, una finestra aperta su un mondo creativo e genuino con i suoi ritmi, gesti, rumori, sapori ed odori...

 

Flessibilità. Diversità. Personalizzazione

Per la pianificazione degli edifici destinati alla residenza si è scelto di partire dalla dimensione media dell’abitazione per persona: ad ogni abitante corrisponde in media 37,9 mq. Da questo l’idea di agire con un modulo di forma quadrata di dimensioni 6.50 m x 6.50 m. Queste misure garantiscono una dimensione di 42.25 mq che al netto delle pareti esterne perimetrali, assicurano una metratura di cui necessita il singolo abitante. Ogni modulo compositivo quindi è strumento differenziale capace di diversificare il modulo abitativo rispondendo alle più variegate esigenze: laddove nasca la necessità di ampliare o comprimere gli spazi si andrà ad integrare o meno uno di questi elementi funzionali. Quindi l’aspetto complessivo è pluriforme evitando ambienti anonimi e asettici. Partendo quindi da questo modulo è possibile formare molteplici soluzioni aggregative così da ottenere abitazioni con metrature che vanno dai 65 mq ai 135 mq. Dimensioni che si adattano alle varie categorie che potrebbero abitare nel nuovo quartiere, dal single alla giovane coppia, alla famiglia, agli anziani e a tutte quelle nuove realtà di convivenza che caratterizzano la società attuale. La differenziazione delle molteplici esigenze abitative ci obbliga a (ri)pensare l’ambiente domestico come uno spazio ad occupazione variabile che garantisca il maggior numero di configurazioni possibili al fine di ottenere un’alta personalizzazione. Il modulo strutturale permette una flessibilità totale al fine di garantire la differenziazione delle dimensioni (taglie) degli appartamenti.

La diversità degli alloggi e quindi dell’intero quartiere, sarà data inoltre dalla differenziazione dei materiali di rivestimento delle abitazioni, dei garage, dei laboratori artigianali e dei moduli destinati a funzioni pubbliche. Un’ulteriore diversificazione viene offerta grazie alla forma irregolare delle coperture. Essa è studiata in modo da aumentare l’illuminazione naturale degli ambienti interni all’abitazione, favorire una maggiore penetrazione visiva e al tempo stesso il deflusso della neve.

 

Eco sostenibilità

Il sistema eco-sostenibile è rapportato alle varie scale della pianificazione.

L’obiettivo è quello di ridurre al minimo le emissioni di CO2.

Per quanto riguarda l’intero quartiere l’eco-sostenibilità è assicurata grazie a molteplici accortezze. Innanzitutto una pianificazione compatta necessita di molta meno energia per funzionare e di un minor consumo di territorio che potrebbe essere destinato a verde o all’agricoltura. L’intero quartiere infatti ha un ampia superficie destinata a zone boschive, a verde pubblico e privato e ad orti comuni. L’inserimento di piccoli orti per la produzione alimentare locale infatti, riduce le emissioni di CO2 dovuta ai trasporti e crea legami locali.

La pianificazione degli edifici si è basata inoltre seguendo i principi della bio-climatica. Nel caso di piu edifici contrapposti (anche non paralleli tra di loro) è stato necessario effettuare una verifica non solo della distribuzione delle ombre al suolo ma anche dell’eventuale proiezione di ombre sui lati delle facciate esposte a sud, garantendo così un buon irraggiamento. Inoltre la “cinta muraria” che si sviluppa lungo l’anello che circoscrive l’area di progetto garantisce una difesa dai venti freddi provenienti da nord-est offrendo quindi un maggior comfort agli spazi centrali comuni e alle singole residenze.

Lungo l’asse stradale dell’anello sono state inserite isole ecologiche per la raccolta dei rifiuti cosi da allontanarli all’esterno del nucleo residenziale ma allo stesso tempo alla portata di tutti. Adiacenti alla raccolta dei rifiuti sono stati posizionati punti in cui è possibile ricaricare mini-car elettriche e riscaldare le auto nei periodi invernali attraverso appositi dispositivi.

Da non sottovalutare, è l’intera rete dei trasporti. Le autovetture penetrano all’interno del nucleo residenziale solamente per piccoli tratti diminuendo cosi l’inquinamento acustico e le emissioni di CO2. I percorsi ciclopedonali e l’utilizzo di mini-car elettriche inoltre aumentano il comfort generale dell’intera area.

La condivisione di alcune funzioni pubbliche come per esempio le lavanderie e le terme diminuiscono la necessità di dispositivi elettronici all’interno delle abitazioni cosi da diminuire il consumo energetico.

Si è provveduto inoltre alla raccolta delle acque meteoriche delle strade e dei parcheggi, che verranno depurate al fine di non inquinare le falde sottostanti ed immagazzinate per essere riutilizzate per gli scarichi dei wc e per la gestione degli orti e delle serre.

Il solare termico è scarsamente efficiente per la latitudine di Turku. Si è scelto quindi di prevedere come sistema di riscaldamento, necessario alle abitazioni ed alle funzioni pubbliche, l’utilizzo di biomassa a cippato, derivante dagli scarti della manutenzione delle importanti zone boschive adiacenti ed integrate all’area di progetto. La biomassa vegetale è la materia che costituisce le piante e l’energia in essa contenuta è energia solare immagazzinata durante la crescita per mezzo della fotosintesi clorofilliana. Per questo motivo le biomasse, se utilizzate all’interno di un ciclo continuo di produzione-utilizzazione, sono una risorsa energetica rinnovabile e rispettosa dell’ambiente.

L’eco-sostenibilità a livello degli edifici invece, è garantita da una progettazione che tiene conto sia degli aspetti tecnologico-costruttivi che di quelli energetico-ambientali. Attraverso l’utilizzo di materiali naturali.

Il sistema costruttivo delle abitazioni è composto con tecniche di prefabbricazione in legno, del tipo X-LAM. Questo sistema si caratterizza innanzitutto per la possibilità di avvicinare ulteriormente le case in legno a quelle tradizionali, migliorando l’inerzia termica della parete, grazie alla massa maggiore e permettendo di costruire in altezza edifici stabili e sicuri. Restano tutti i vantaggi delle case prefabbricate, come le proprietà ecologiche, i tempi di costruzione veloci, l’isolamento termico ed acustico.

L’immagine architettonica dell’edificio deriva dalle ampie vetrate rivolte a meridione, che garantiscono il guadagno solare diretto mentre piccole aperture sono rivolte verso il lato esposto a nord. Le coperture hanno pendenze elevate cosi da favorire il deflusso della neve evitando masse fredde a contatto delle stesse.

Per quanto riguarda il ricambio dell’area viene previsto un sistema meccanico di ventilazione con recuperatore di calore. Il riscaldamento viene pensato con sistemi radianti a pavimento o a parete alimentati dalla caldaia a biomassa. L’utilizzo di materiali naturali sostenibili eviterà agli abitanti l’esposizione agli agenti nocivi presenti nei tradizionali sistemi costruttivi.

Tutto il sistema dell’abitazione garantisce un basso consumo energetico ed un comfort termo-igrometrico ottimale.

 

 

<...BACK