RE:U-SEM

Sant'Elpidio a Mare, Italy

Proposal

2011

Team Alessandro Liberati, Roberto Straccali, Arianna Piermartiri 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

…soon the fresh, pure and healty spring-water of Tennacola company will reach us from the Appennine Mountains, to refresh the cities, support sanitary appliances and increase public interests…

                                                                                                 Sant’Elpidio a Mare, Italy 15th November 1903

The major of the city of Sant’Elpidio a Mare, Giovanni Renzi, with the manifesto of the 15th of September 1903, communicated to his citizens the tender for the construction of the social aqueduct of the Tennacola company. Since then, this work has been in constantly evolution and all the structures linked to the aqueduct are still deep-rooted in the territory and they have become symbols of the project.

The hanging water reservoirs are constructions for water accumulation. They are one of the main works of the aqueduct and they are considered archaeological industrial structures deserving of preservation, conservation and compatible re-use.

They are characterized by fronts of considerable dimensions which can be modified to increase their functions.

This example, which is also the object of study, has the purpose of experimenting with an innovative practise consisting of technological re-use. This practise defines the basic principles of the conservation and recovery of all the structures belonging to the industrial archaeology through the technological re-operation and the re-integration with the surrounding area.

  

 

 

 

Landscape preservation

…It consists in all the conservation and maintenance actions of any significant or characteristic aspects regarding a landscape, legitimized by the patrimonial value which derives from the natural configuration and/or from the type of human intervention;…

Art. 1/d, Landscape European Agreement, Florence, 20th of October 2000

The article is inspired by the principles of conservation and natural and landscape patrimony preservation, which represent a source of inspiration and reflection or simply reason of satisfaction of human mind.                                                                                                                           

So we ask why we continue to consume agricultural areas and why we want to invade protect areas and deprave their destinations and characteristics which rend them unique from the landscape profile point of view. In the Energetic Services Manager statistics view, the photovoltaic systems built on the ground actually represent about the 44 per cent of the whole photovoltaic power in Italy. According to the GSE provisional estimations of the 31st December 2010, this power is about 2,900 MW. Consequently, today, if we suppose that all the “non-integrated” systems are built on the farmland, the area complexly take away from agricultural production amounts to something like 3,200 hectares (approximately 4,500 football fields).

Thus, the project proposes re-shaping the hanging water reservoirs located in the city of Sant’Elpidio a Mare in an ENERGETIC TOTEM, which is able not only to provide water distribution , but also to produce clean energy. This energy will be produced by the SUN, thanks to 240 square meters of photovoltaic panels, by the WIND through eight micro Aeolian generators and by the HYDROGEN, generated by eight silos containing thermopile seaweeds plunged into 250,000 litres of water.     

The production of hydrogen through the bio-electrolysis of seaweeds is one of the most innovative systems of clean energy supply. The process satisfies two fundamental requirements: 1) the direct extraction of hydrogen (H2) from the water (H2O) through the photosynthesis at solar energy expense. 2) the production of pure H2 without any kind of contamination or contact with any dangerous product. Recent experimental data show that 10 litres of seaweed growing can produce 1-2 litres of pure H2 each day (it is the amount of energy necessary to travel 100 kilometres with a car). Consequently, the system may produce about 25,000 litres of hydrogen per day.                                       

For this reason, it is necessary to ensure that renewable energies systems will be installed exclusively in urban areas in accord with a RESPONSIBLE INTEGRATION.

 

  

 

                                                                                                                                    

 

 

 

 

The theme of the recovery of industrial archaeological items and annexed areas is not a new problem, but it has been widely discussing because of its cultural, economical and architectural values. The topic is related to the insertion of traditionally extraneous structures in cities and relative surroundings.

 

The problem here is to adapt new materials, processes and systems to an architectural structure without losing its original features and without denying to it a new life. So we have to consider that the main characteristics of these constructions are the structural or plant engineering innovations which derive from the nature of living organism.                                                                                                                  

Thanks to the promotion and divulgation of specific knowledge and through the use of up-to-date systems of information and documentation, these unknown places will become focal points for the citizens. The recovery of the structure can ensure the creation of environments which are suitable for different needs such as research activity, formative and educative sessions, museums and other gatherings .

The theme of the re-use in every possible forms is of vital importance if we want to limit the damages to our planet, protecting it from the agricultural areas to the inner cities. The proposal of re-use wants to be a pro-positive critic to the wrong use of the ground and consequently a critic to the wrong integration of the systems that supply energy.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ITALIAN TEXT

...Tra non molto dalle montagne del nostro Appennino arriverà tra noi fresca, pura e salubre l'acqua delle sorgenti del Tennacola a ristoro delle città, a sussidio dell' igiene, ad incremento del pubblico interesse...     

Sant'Elpidio a Mare, 15 novembre 1903                                                                            

Con il manifesto del 15 Novembre 1903 il Sindaco di Sant'Elpidio a Mare Giovanni Renzi, comunicava ai propri cittadini l'appalto dei lavori per la costruzione dell'acquedotto consorziale del Tennacola.
Da allora l'opera è in continua evoluzione e tuttora rimangono radicate nel territorio tutte quelle strutture annesse all'acquedotto, ormai divenute veri e propri simboli.
I serbatoi pensili sono dei manufatti di accumulo idrico e sono fra le opere di maggior rilievo di un acquedotto, ai quali si attribuiscono valori storico-testimoniali quali manufatti di archeologia industriale, meritevoli di tutela, conservazione e riuso compatibile.
Essi sono per lo più caratterizzati da facciate  di notevoli dimensioni nelle quali è possibile agire con interventi volti ad aumentare le proprie funzioni.
L'esempio, oggetto di studio, intende sperimentare una pratica innovativa di riuso tecnologico, in grado di definire principi guida per la conservazione ed il recupero di tutte quelle strutture appartenenti all'archeologia industriale attraverso la ri-funzionalizzazione tecnologica e la ri-integrazione con il paesaggio circostante. 

 

Salvaguardia  dei paesaggi ... Indica le azioni di conservazione e di mantenimento degli aspetti significativi o caratteristici di un paesaggio, giustificate dal suo valore di patrimonio derivante dalla sua configurazione naturale e/o dal tipo d’intervento umano; ...
Art. 1/d,  Convenzione Europea del Paesaggio, Firenze, 20 ottobre 2000

L'articolo si ispira ai principi di conservazione e tutela del patrimonio naturale e paesaggistico che rappresentano fonte di ispirazione, sorgente di riflessione o semplicemente motivo di appagamento per l’animo umano.
Ci chiediamo allora perché continuare a consumare terreni agricoli, perché voler invadere le aree protette e snaturarne la destinazione e le caratteristiche che le rendono talvolta uniche sotto il profilo paesaggistico?
Secondo le statistiche del Gestore dei Servizi Energetici, gli impianti fotovoltaici a terra rappresentano, attualmente, una quota pari a circa il 44% di tutta la potenza fotovoltaica installata in Italia, potenza che, secondo le stime provvisorie del GSE al 31/12/2010 sarebbe pari a circa 2.900 MW.       Ne consegue che, ad oggi, ipotizzando che tutti gli impianti “non integrati” siano stati realizzati su suolo agricolo, la superficie complessivamente ritirata dalla produzione agricola sarebbe pari a circa 3.200 ettari (circa 4500 campi da calcio).
Per questo motivo è necessario che gli impianti di energia rinnovabile vengano istallati esclusivamente in zone urbanizzate grazie ad una INTEGRAZIONE RESPONSABILE.
Pertanto la proposta intende riconfigurare il serbatoio pensile di Sant'Elpidio a Mare in un TOTEM ENERGETICO, in grado di svolgere sia la funzione attuale di stoccaggio idrico che la produzione di energia pulita. Questa energia sarà donata dal SOLE con 240 mq di  fotovoltaico, dal VENTO grazie ad  8 generatori microeolici e dall'IDROGENO prodotto da 8 silos contenenti alghe termofile immerse in 250.000 litri di acqua.
La produzione di idrogeno attraverso la bio-elettrolisi da alghe è tra i più avanzati sistemi di approvvigionamento di energia pulita, la quale soddisfa contemporaneamente due requisiti fondamentali:
. Estrazione diretta dell'idrogeno (H2) dall'acqua (H20)
a spese dell'energia solare tramite il processo di fotosintesi.
. Produzione di H2 puro senza nessun tipo di contaminante o altro prodotto pericoloso per l'ambiente.
Recenti dati sperimentali mostrano infatti che 10 litri di coltura algale possono produrre 1-2 litri di H2/giorno sostanzialmente puro (quantità necessaria a far muovere una automobile per circa 100 km).  Ne consegue quindi che l’impianto potrebbe produrre circa 25.000 litri di idrogeno/giorno.   

 

Il tema del recupero delle archeologie industriali e delle aree annesse, per i significati che si attribuiscono ad esso (culturali, economici, architettonici), affronta una problematica non nuova e ampiamente discussa: la questione dell’inserimento nella città e nell’ambiente circostante di un corpo ad essi tradizionalmente estraneo.  

 
Il problema di questi manufatti consisterà inoltre nell’adattare materiali, processi e nuovi impianti  ad un organismo architettonico che non deve perdere il suo carattere originario, senza negarsi una nuova vita. 
E’ opportuno quindi considerare che una caratteristica di queste costruzioni è quella di attenersi alle innovazioni strutturali o impiantistiche: il che deriva dalla sua natura di organismo vivente. 
Prevedere la promozione e la divulgazione di specifiche conoscenze, anche attraverso aggiornati sistemi di informazione e documentazione trasformerà questi luoghi sconosciuti alla città in punti focali per la cittadinanza.  Il recupero del complesso potrebbe garantire ambienti adatti alle più diverse esigenze quali le attività di ricerca, sessioni formative ed educative, poli museali e altri momenti.

 

Il tema del riuso in ogni sua forma è indispensabile se vogliamo limitare i danni al nostro pianeta,  salvaguarduardandolo  a partire dalle campagne fino ad arrivare ai centri urbani. La proposta di riuso pertanto vuole essere una critica propositiva all'uso errato del suolo, e di conseguenza alla scorretta integrazione dei sistemi di approvigionamento energetico.

 

<...BACK